Un logo non è il tuo marchio, né la tua identità. Logo, identità e branding hanno tutti ruoli diversi, che insieme formano un’immagine completa per un’azienda o un prodotto.
Ci sono molte discussioni sul web su questo argomento, riguardo l’idea che un logo non è il tuo marchio. Nonostante questa affermazione possa essere considerata vera, non ho trovato scritto alcun chiarimento tra le differenze di “marchio”, “identità” e “logo”. Vediamo allora se riusciamo a fare un pò di luce.

Il brand – L’immagine aziendale emotiva percepita nel suo complesso.

L’identità – Gli aspetti visivi che fanno parte del brand in generale.

Il logo – Ciò che identifica l’azienda nella sua forma più semplice.

Scendiamo nel dettaglio andando per punti.

Il Brand

Il branding non è certamente un argomento facile. Sono state scritte sull’argomento pubblicazioni intere e centinaia di libri. Per dirla in breve si potrebbe descrivere un “brand” come un’organizzazione, un servizio o un prodotto con una “personalità” che è modellata dalle percezioni del pubblico. Si può quindi anche affermare che un designer non può “creare” un marchio, ma solo il pubblico può farlo.
Un designer definisce le fondamenta del marchio.
Molte persone credono che un brand sia composto solo da pochi elementi: qualche colore, un paio di caratteri, un logo, uno slogan e a volte anche della musica. In realtà, è un pò più complicato di così. Si potrebbe dire che un brand è l’immagine aziendale.

L’idea fondamentale e il concetto alla base di un’immagine coordinata è che tutto ciò che definisce un’azienda, tutto ciò che possiede e tutto ciò che produce dovrebbe riflettere i valori e gli obiettivi dell’azienda nel suo insieme.
È la coerenza di questa idea centrale che costituisce la società, la guida, mostra ciò che rappresenta, in cosa crede e perché esistono. Non sono soltanti alcuni colori, pochi caratteri, un logo e uno slogan.
Ad esempio, diamo un’occhiata alla nota azienda IT, Apple. Si può dire che proietta una cultura umanistica e una forte etica aziendale, caratterizzata dal volontariato, dal sostegno alle buone cause e dal coinvolgimento nella comunità. Questi valori del business sono evidenti in tutto ciò che fanno, dai loro prodotti innovativi e dalle pubblicità, fino al loro servizio clienti. Apple è un marchio “emotivo” che si connette realmente con i consumatori. Quando le persone comprano o usano i loro prodotti o servizi si sentono parte del marchio. È questa connessione emotiva che crea il loro marchio, non solo i loro prodotti di design ed il “logo del peccato”.

L’identità

Un ruolo importante nel “marchio” o “immagine aziendale” di un’azienda è la sua identità.
Nella maggior parte dei casi, la progettazione dell’identità si basa su immagini visive utilizzate all’interno di un’azienda, solitamente assemblate in una serie di linee guida. Queste linee guida che costituiscono un’identità generalmente decidono come l’identità viene applicata su una varietà di mezzi, utilizzando tavolozze di colori, caratteri, layout, misurazioni e così via. Queste linee guida garantiscono che l’identità dell’azienda sia mantenuta coerente, il che a sua volta consente al marchio nel suo insieme di essere riconoscibile.
L’immagine di un’azienda è costituita da molti devices visivi:

Un logo (il simbolo dell’intera identità e del marchio)
Declinazioni (carta intestata + biglietto da visita + buste, ecc.)
Materiale di marketing (volantini, brochure, libri, siti Web, ecc.)
Prodotti e imballaggi (i prodotti venduti e l’imballaggio in cui entrano)
Design di abbigliamento (articoli di abbigliamento tangibili indossati dai dipendenti)
Segnaletica (design per interni ed esterni)
Messaggi e azioni (messaggi trasmessi tramite modalità di comunicazione indiretta o diretta)
Altre comunicazioni (audio, odore, tocco, ecc.)
Qualunque cosa visiva che rappresenti il ​​business.

Tutte queste cose costituiscono un’identità e dovrebbero supportare il marchio nel suo complesso. Il logo, tuttavia, è l’identità aziendale e il marchio racchiusi in un unico segno identificativo. Questo marchio è l’avatar e il simbolo del business nel suo insieme.

Il Logo

Logo=identificazione.

Un logo identifica un’azienda o un prodotto tramite l’uso di un segno, una bandiera, un simbolo o una firma. Un logo non vende direttamente l’azienda né raramente descrive un’attività commerciale. Il significato deriva dalla qualità della cosa che simboleggia, non viceversa: i loghi sono lì per identificare, non per spiegare. In poche parole, ciò che un logo significa è più importante di quello che sembra.
Per illustrare questo concetto, si può pensare ai loghi come alle persone. Preferiamo essere chiamati con il nostro nome  Luca, Giovanni, Marta, piuttosto che con la confusa e dimenticabile descrizione di noi stessi come “quello che indossa sempre il blu e ha i capelli biondi”. Allo stesso modo, un logo non dovrebbe letteralmente descrivere ciò che fa l’azienda, ma piuttosto identificarla in un modo che sia riconoscibile e memorabile.
È anche importante notare che, solo dopo che un logo diventa familiare, funziona per lo scopo per cui era designato. Così come dobbiamo imparare i nomi delle persone per identificarli e poterne parlare.
Il logo identifica un’azienda o un prodotto nella sua forma più semplice.

Adesso con qualche informazione in più dovremmo riuscire a far capire l’importanza della complementarietà della triade.