Cliente

Florentia San Gimignano

Servizi Svolti

  • #Art Direction
  • #Shooting
  • #Design for print

In collaborazione con la squadra di calcio femminile Florentia San Gimignano, abbiamo realizzato questo editoriale che parla di Donne, di quotidianità e di bellezza.

Lo storytelling fotografico propone il campo da calcio come una passerella, dove sfilano donne contemporanee, ormai lontane dall’aggettivo di “femmine”, sempre più vicine al valore di individuo.

Il calcio è uno sport che come altri si sceglie di praticare e di seguire mossi per passione; il fatto che venga maggiormente attribuito al genere maschile è ormai solo il retaggio culturale di una generazione poco al passo coi tempi.

Questo editoriale parla di forza e di coraggio, prerogative degli esseri umani al di là del genere. Racconta di donne che hanno gli attributi con la P maiuscola: la Personalità.

Le calciatrici indossano la collezione Guccify di Gucci. Il punto di vista di Alessandro Michele sposa i valori di Donne che vogliono strapparsi di dosso ingombranti etichette senza omologarsi a una femminilità stantia, espressione della mera fantasia maschile.

Sono Donne che sanno, tanto sicure da poter ironizzare, così come Gucci ha potuto ribattezzarsi “Guccy”. La Guccification è una rivoluzione culturale che fa desiderare il brand per i valori che innalza, come cultura e personalità, valori che le Donne di Florentia San Gimignano incarnano innalzandosi a testimonial.

Felpe Gucci, mutante bianche e scarpe con il tacchetto, reggiseni in pizzo per scendere in campo e abiti glitterati sotto la doccia raccontano di unicità, di squadra e di self expression. Decontestualizzano persone, ambienti ed oggetti abbattendo ogni tipo di barriera.

In una società in cui la tendenza è quella di dare un nome a tutto, la vera rivoluzione è essere capaci di osservare senza giudizio.

Creative agency: WE RAD
Art director: Bianca Borri
Photographer: Lapo Quagli
Photographer assistant: Manuel Rio Casali

Stylist: Elisa Sedoni
MUA: Lara Quercioli, Matilde Caprilli

Coordinator: Martina Pierozzi

NOTA

Lo shooting fotografico di questo editoriale è stato scattato nell’anno 2018.