Anno 2017. Los Angeles.

John Hoke, il chief design di Nike risponde alla chiamata della National Basketball Association. Accetta divertito la sfida da stilista come partner ufficiale per tutto quello che riguarda l’abbigliamento di tutte le squadre. Dalle nuove divise per i team alle tute per allenamento. È sicuro della riuscita perchè centinaia dei suoi mille creativi son fan appassionati della lega. É eccitato dall’incarico perchè crede fortemente nella possibilità di portare il campionato nel futuro e renderlo un brand globale.

I 30 team avevano sempre lavorato individualmente con Nike per sviluppare o revisionare il design delle divise. Adesso era il momento di mettere tutto insieme. Avvicinarsi a ciascuna squadra individualmente ha presentato una sfida semplicemente in termini di mole di informazioni. Decenni di iconografia passata con cui confrontarsi. “La sfida era eccitante”, dice Hoke.

“Volevamo essere rispettosi del passato, ma andare avanti. Cercare di rimanere riconoscibilmente familiari, ma con un occhio al futuro.”

Le uniformi hanno un taglio più personalizzato pensato per adattarsi ai giocatori in modo più confortevole. Nel tentativo di asciugare il sudore più velocemente, Nike ha reso la maglia più leggera di qualsiasi altra in passato e con un filo speciale che solleva leggermente l’uniforme dal corpo per favorire il movimento dell’aria e l’asciugatura.

Dal punto di vista tecnologico, tutte le etichette delle divise per adulti vendute al pubblico sono dotate di chip di comunicazione near-field che consente, a una scansione dello smartphone, di avviare l’app Nike NBA Connected Jersey per l’accesso ai contenuti di squadra e di giocatore.

Il più grande cambiamento estetico che Nike ha portato alle divise è stato un ampio studio sui colori . Hoke dice che fin dall’inizio hanno lavorato con l’NBA per portare più colore in campo, dalle scarpe da ginnastica ai calzini fino alle tute per il riscaldamento, ma soprattutto per l’uniforme.

“Ci saranno incontri più colorati, si giocherà in un esplosione di colori.” dice Hoke entusiasta.

Finora, i team NBA hanno introdotto tre delle quattro uniformi. Con nuove regole che consentono alla squadra di casa di scegliere quale delle quattro divise indosseranno in contrasto con il colore della squadra ospite. le divise non saranno più chiamate di casa e ospiti. Ora la Lega ha le uniformi Association e Icon. La Statement Edition, rivelata a settembre, si presenta come terza uniforme della squadra ed è stata ispirata dai giocatori. La quarta uniforme invece sarà ispirata dalla comunità.

Non resta che accendere la tv, prendere birra e pop-corn ed ammirare questa esplosione di colori che salta su e giù per il parquet.