La Cultura è eccitante

Essere un’Agenzia di Comunicazione al giorno d’oggi è una grande responsabilità. Ogni giorno dettiamo regole che si riflettono sui metodi comunicativi non solo aziendali ma anche quotidiani. Un tempo la bellezza si definiva nei musei e si assaporava in silenzio. Oggi si vive per strada tra insegne e manifesti a 60km/h o in digitale a 2’’ di limite d’attenzione. Definire il bello è una responsabilità. “Culture makes me horny” è una provocazione che nasce perché ci sentiamo responsabili nel dover suscitare un dialogo sul modo in cui oggi viene utilizzata, sfruttata e distorta la comunicazione.

 

“T-shirt e poster con quadri rinascimentali ritagliati e ricoperti d’oro invaderanno la Fortezza da Basso – Provocare per riflettere sul ruolo della comunicazione targettizzata nella nostra società”

 

Ci siamo chiesti: “Che succede se prendiamo una pittura classica e tagliamo l’immagine per spostare il fuoco su di un preciso punto? Come reagisce il pubblico?” Per rispondere abbiamo realizzato un test composto da 700 poster e 100 t-shirt.

 

“Una fotografia con una ragazza molto giovane e completamente nuda all’interno di un book fotografico ha un’accezione, mentre all’interno di un museo ne ha tutta un’altra e su un cartellone pubblicitario, un’altra ancora. Vogliamo provocare per far riflettere sul ruolo di una comunicazione sempre più targettizzata, sempre più pervasiva, nel quale siamo immersi senza rendercene conto.”

 

Il progetto si basa sul concetto che la Cultura da un lato è diventata un prodotto alla moda da ostentare, svuotato di qualsiasi valore in una sorta di ‘esposizione pornografica’, mentre dall’altro ha prodotto il paradosso di creare una controcultura che rivendica con orgoglio di non possedere titoli di studio. Noi invece crediamo in una comunicazione dinamica, che si evolve, che permette a chiunque di esprimere se stesso e i propri valori, nel migliore dei modi.

La Cultura è uno di quei valori che rende una persona attraente, che ti fa eccitare. Che porta le relazioni ad un piano superiore rispetto all’estetica sopperendo ai feromoni. La Cultura non si può indossare come la moda, non si recita. Per questo abbiamo scelto di usare la moda per indossare una critica.

 

“Le t-shirt e i poster, completamente ricoperti dalla texture dorata, rappresentano proprio questo vuoto valoriale a cui ci opponiamo, un capo gold che brilla al sole ma rimane pura estetica.”

 

È un prodotto commerciale ma che ha un impatto culturale: decontestualizzando e decostruendo l’opera d’arte, ne ribaltiamo i valori e invitiamo alla critica costruttiva.

We dare because we care è la nostra filosofia. Ci piace essere essere provocatori, perché ci piace colpire al cuore e far nascere riflessioni.

Osiamo perché ci teniamo.